PENNELLI REALIZZATI CON MASSI PROVENIENTI DALLA CAVA DI POTAME E NON DEL FIUME OLIVA. LE NOSTRE SONO SPIAGGE APPREZZATE ED INCONTAMINATE. DENUNCEREMO QUESTE AZIONI DI SCIACALLAGGIO, CHE TENTANO DI DANNEGGIARE L’IMMAGINE DI FUSCALDO.

  • Pubblicato: Mercoledì, 20 Giugno 2018 18:32
  • Scritto da Super User
  • Visite: 2086

Con l’arrivo dell’estate, siamo ormai abituati a chi - non abbiamo ancora capito a quale scopo - crea allarmismi e getta fango sull’immagine di Fuscaldo. Una prassi, che si ripete con costanza inusuale e spregiudicata. É accaduto nuovamente oggi.
D’un tratto, abbiamo dovuto registrare una serie di articoli, pubblicati sul web, all’interno dei quali, con nostra smisurata sorpresa e immane meraviglia, si è arrivati a conclusioni azzardate, che hanno generato un preoccupante ed anche giusto allarmismo nella popolazione, e non solo.
In questi articoli, si fa riferimento ad alcuni controlli effettuati sul materiale utilizzato per la realizzazione dei pennelli costruiti lungo il nostro litorale, utili ad arginare l’annoso fenomeno dell’erosione costiera, che combattiamo da anni.
Al di là di questi controlli, che sono sempre ben accetti ed auspicabili ed al di là di ciò che è stato prelevato per essere analizzato, reputiamo gravissimo ed ingiustificabile azzardare una frase, che pedissequamente riportiamo: “Le pietre - a quanto risulterebbe dalle prime analisi - hanno un alto livello di radioattività”.
Un giudizio non supportato da nessuna analisi e da nessuna conferma da parte delle autorità competenti, che serve solo a creare allarmismo e a danneggiare l’immagine del nostro Paese, proprio a ridosso della stagione turistica ed estiva. Un fatto che reputiamo di una gravità inaudita, al punto tale da valutare azioni legali da intraprendere con urgenza.
In aggiunta, tra le altre inesattezze riportate, vi é quella della provenienza dei massi utilizzati per realizzare i pennelli a mare. Le pietre in questione, infatti, non provengono da nessuna cava insistente sul fiume Oliva o nei luoghi in cui si troverebbero gli scarti industriali ed il materiale radioattivo della Jolly Rosso, bensì, la cava di provenienza é quella ubicata in località Potame, nel comune di Domanico, nell’entroterra cosentino. Cava in cui, annualmente, vengono eseguiti la caratterizzazione dei massi ed i dovuti controlli.
Tali dati, a scanso di equivoci, risultano ufficiali e provengono dalla Regione Calabria, da Arpacal e dalla direzione dei lavori. Dati e relazioni ufficiali, che, ad ogni modo, evidenziano come anche la cava ricadente sul fiume Oliva, non risulta soggetta ad alcun inquinamento da radioattività.
Precisato ciò, é doveroso, da parte nostra, restare vigili dinanzi a questi continui tentativi di sciacallaggio, informando, anche nelle fasi successive, la popolazione e tutti coloro che continuano a scegliere Fuscaldo quale meta delle proprie vacanze. Un Paese che, grazie proprio a queste opere di difesa del litorale, può nuovamente mettere in mostra una delle risorse principali, che da sempre ci contraddistingue: la bellezza delle spiagge. Spiagge apprezzate ed incontaminate.

Il Sindaco
Arch. Gianfranco Ramundo

Leggi tutto...

NON E' UNA EREDITA', MA UNA CONQUISTA

  • Pubblicato: Mercoledì, 25 Aprile 2018 11:30
  • Scritto da Super User
  • Visite: 113

25 aprileLa liberazione dal nazifascismo non è stata una eredità, che la storia ci ha regalato.  È stata, invece, una conquista, cercata e voluta da un popolo, che ha versato il proprio sangue per la libertà e per dare avvio ad un processo di democrazia, che non era così scontato e semplice.
Ed è questo il messaggio che, oggi, dovemmo consegnare alle nuove generazioni, affinché non si dimentichi questo triste e tragico passato, serbandone, sempre, memoria per il futuro.

BUON 25 APRILE!

Gianfranco Ramundo

Leggi tutto...

I GUFI CI PORTANO FORTUNA...

  • Pubblicato: Sabato, 14 Aprile 2018 18:41
  • Scritto da Super User
  • Visite: 144

I gufi ci portano fortunaIl non luogo a procedere verso il nostro vice sindaco, Paolo Cavaliere, rappresenta l’ennesima dimostrazione della rettitudine morale, che contraddistingue l’Amministrazione comunale, che mi onoro di presiedere.
Un altro tassello importante, nell’ottica della trasparenza e del buon governo, che abbiamo tutti insieme iniziato nel 2011 e che, la nostra comunità, ha voluto premiare, due anni fa, con una larghissima maggioranza e con un forte consenso popolare.
Qualcuno, purtroppo, ha tentato di gettare fango sulla nostra immagine e su quella di Fuscaldo. Hanno provato a paragonarci a chissà quali mafiosi, ma la risposta della giustizia è stata netta ed inopinabile.
Quella giustizia verso la quale abbiamo sempre avuto fiducia, oggi, ha espresso il proprio verdetto. Così come ha fatto per quel che concerne la mia vicenda, nei giorni scorsi.
A nome mio e di tutto il governo comunale, esprimo, dunque, soddisfazione e gioia per ciò che è stato deciso dal tribunale di Paola.
So bene quanto questa vicenda e quelle accuse infondate ed infamanti abbiano pesato su Paolo e sulla sua famiglia. Ma mai ho avuto dubbi sulla sua condotta morale ed etica... e la sentenza di ieri fa piena luce su quanto successo.
Non aggiungo altro, anche se mi sarebbe piaciuto soffermarmi sull’atteggiamento irresponsabile, giustizialista e strumentale avuto dalle opposizioni consiliari tutte. Un atteggiamento, che avrebbe potuto provocare seri danni di immagine alla nostra comunità. Ma ci ha pensato la giustizia a ristabilire la verità dei fatti ed a smascherare chi ha provato a minare il cammino democratico di questa legislatura.
Sono state dette parole gravi e pesanti, anche in sede di consiglio comunale ed attraverso note stampa. Ma tutte quelle insinuazioni, oggi, ritornano, come un boomerang, contro chi le ha lanciate.
La nostra azione politica ed amministrativa, ad ogni modo, procede con vigore e con determinazione, così come è sempre stato.
Ci aspetteremmo comunque delle scuse, sperando che le minoranze possano essere abbastanza mature da comprendere gli errori fatti e le bugie dette in questi mesi. E sperando nell’educazione, nella signorilità e nel rispetto, che mai, nei rapporti umani, dovrebbero venir meno.
Fuscaldo è governata da persone perbene!

Ps: ai gufi vogliamo bene e rispondiamo, in ogni caso, con il sorriso

Gianfranco Ramundo

Leggi tutto...

UN’ALTRA BATTAGLIA DI VERITÀ... VINTA!

  • Pubblicato: Mercoledì, 04 Aprile 2018 21:25
  • Scritto da Super User
  • Visite: 164
Gianfranco RamundoHo sempre creduto nella giustizia e nel suo naturale decorso. Ho sempre creduto nell’obiettività degli organi giudiziari e, proprio per questo motivo, ho chiesto ai miei legali, ai quali vanno i miei più sentiti e sinceri ringraziamenti, di abbreviare i tempi del giudizio, rinunciando ai testi della mia difesa ed evitando la prescrizione del reato contestato, che sarebbe arrivata da qui a qualche mese.
Ho voluto essere giudicato, senza ricorrere a scorciatoie o altro.
Perché ero sicuro e certo del mio operato e dell’azione moralizzatrice che ho portato avanti, all’interno della casa comunale, in questi anni.
Sono sempre stato lineare, trasparente ed onesto e, sinceramente, non potevamo pagare solo ed esclusivamente per aver fatto funzionare la macchina amministrativa, in un momento di enorme difficoltà. La nostra comunità ha dovuto già affrontare il prezzo del dissesto economico. Sarebbe stato pertanto assurdo subire un provvedimento giudiziario per aver evitato che tutto il sistema comunale si bloccasse. Sarebbe stata una mannaia per tutti i cittadini, per le imprese, per i dipendenti. 
Accolgo con grande gioia e soddisfazione, dunque, il provvedimento di assoluzione, che chiude una vicenda che mi ha toccato molto, perché mai, nella mia vita, sia privata che professionale, ho subito processi. Mi è successo ora, nello svolgere il delicato ruolo di sindaco. Nello svolgimento delle mie funzioni. E questo la dice lunga sul come siamo costretti ad operare. Tra i tagli statali ed i giusti bisogni e necessità dei nostri concittadini, tra mille problemi e criticità, spesso, ci troviamo di fronte a momenti di sconforto, in cui ci sentiamo davvero soli. Aggiungiamoci poi eventi come quello che ho dovuto subire ed affrontare in questi mesi. Non c’è altro da aggiungere, insomma. Solo la felicità per una parola fine, che mette a tacere anche quegli avvoltoi che hanno tentato di cavalcare questa vicenda giudiziaria. Hanno provato a cavalcare l’onda del giustizialismo e della condanna mediatica, ma ancora una volta hanno perso. Miseramente perso. 
Ha vinto invece la giustizia, la verità e la moralità, che è sempre stata la mia stella polare. In particolar modo in questa mia esperienza amministrativa.
Gianfranco Ramundo

ifuscaldo2

Contatti

  • Palazzo Comunale
  • Via D. Sansone 87024
  • Fuscaldo - Cosenza
  • Tel. +39 0982 859863
  • Fax +39 0982 89592